LEGA DEL FILO D’ORO: UN MODELLO DA STUDIARE ED ESPORTARE

LEGA DEL FILO D’ORO: UN MODELLO DA STUDIARE ED ESPORTARE

Un gruppo di ricercatori del Centro Nazionale di Riabilitazione Pediatrica di Astana, in Kazakhstan, è stato nei giorni scorsi alla Lega del Filo d’Oro per studiare il modello dell’Associazione nell’assistenza e riabilitazione delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

Martedì 6 marzo 2018 — Nei giorni scorsi un gruppo di ricercatori e medici kazaki hanno fatto visita alla Lega del Filo d’Oro di Osimo per fruire dell’esperienza dell’Associazione nell’assistenza alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

Il Centro Nazionale di Riabilitazione Pediatrica di Astana in Kazakhstan è una struttura specializzata in paralisi cerebrale e in numerose patologie congenite ed acquisite, dotato di 306 posti letto, offre assistenza a circa 4.200 bambini all’anno. Il loro intento è quello di espandere i propri servizi anche ai pazienti sordociechi e con altri gravi deficit cognitivi, sensoriali e motori in età pediatrica e per questo hanno contattato la Lega del Filo d’Oro per poter vedere da vicino il suo metodo riabilitativo.

Un modello, con oltre 50 anni di esperienza, che prevede terapie personalizzate e sistemi di comunicazione ad hoc per ogni ospite accolto, per permettere loro di stabilire relazioni col mondo e recuperare, quanto più possibile, una dimensione fatta di dignità e autonomia.

Un primo passo verso una possibile collaborazione a supporto delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali.

Chiara Ambrogini Ufficio Stampa Lega del Filo d'Oro
Francesca Riccardi Media Relation Consultant at INC S.r.l.
Marco Simonelli INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione